Cos'è l'Industria 4.0 e perché è importante saperla affrontare

L'industria 4.0 scaturisce dalla quarta rivoluzione industriale. Non esiste ancora una definizione esauriente del fenomeno, ma in estrema sintesi alcuni analisti tendono a descriverla come un processo che porterà alla produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa.

 

Secondo un recente rapporto della multinazionale di consulenza McKinsey le nuove tecnologie digitali avranno un impatto profondo nell'ambito di quattro direttrici di sviluppo: la prima riguarda l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività, e si declina in big data, open data, Internet of Things, machine-to-machine e cloud computing per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione.

 

La seconda è quella degli analytics: una volta raccolti i dati, bisogna ricavarne valore. Oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, dalle macchine cioè che perfezionano la loro resa “imparando” dai dati via via raccolti e analizzati.

 

La terza direttrice di sviluppo è l’interazione tra uomo e macchina, che coinvolge le interfacce “touch”, sempre più diffuse, e la realtà aumentata: per fare un esempio la possibilità di migliorare le proprie prestazioni sul lavoro utilizzando strumenti come i Google Glass.

 

Infine c’è tutto il settore che si occupa del passaggio dal digitale al “reale”, e che comprende la manifattura additiva, la stampa 3D, la robotica, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni.

Ralc Italia e Fabbrica 4.0

Industry 4.0, comunemente chiamata anche Fabbrica 4.0, prende il nome dal piano industriale del governo tedesco, presentato nel 2011 e concretizzato nel 2013, per ammodernare il sistema produttivo tedesco e riportarlo ai vertici mondiali.

 

È proprio in Germania, collaborando con clienti tedeschi che oggi sono eccellenze nei rispettivi settori di competenza, che Ralc Italia ha raccolto numerose esperienze concrete nella realizzazione di impianti conformi ai principi di fabbrica 4.0.

 

Essendo un’azienda con una vocazione fortemente internazionale (oltre il 65% del fatturato annuo viene raccolto all'estero), Ralc Italia ha poi avuto tra i suoi clienti grandi aziende europee ed internazionali, che hanno recepito i fondamenti delle “rivoluzioni industriali” con un certo anticipo rispetto al mercato italiano.

 

Per questo Ralc Italia, già da alcuni anni, opera con una particolare attenzione a tematiche quali:

·         l’integrazione tra operatore, macchine e strumenti;

·         sistemi di movimentazione dei materiali automatici e robotica;

·         sistemi di visione per la valutazione dell’efficienza del lavoro quotidiano degli operatori;

·         integrazione e scambio di informazioni tra gli attuatori del processo produttivo;

·         comunicazione tra elementi della produzione, non solo all'interno dell'azienda, ma anche all'esterno grazie all'utilizzo di internet;

·         tecniche di gestione dati, che permettono previsioni e predizioni.

 

Nel 2016, anche il Governo Italiano ha avviato delle politiche economiche estremamente interessanti per sostenere le aziende che decidono di passare a modalità produttive evolute ed efficienti, quelle previste, appunto, da fabbrica 4.0.

 

Tali politiche consentono, anche per tutto il 2017, di accedere ad importanti sgravi fiscali e incentivi economici.

 

Soltanto nel 2017, Ralc Italia ha già elaborato e concretizzato tre progetti in altrettanti settori industriali che consentono non solo di migliorare i processi produttivi dei suoi clienti, ma anche di farlo con investimenti estremamente vantaggiosi, traendo beneficio dagli incentivi statali.

 

Volete avere maggiori informazioni? Scrivete a info@ralcitalia.com

 

 

Di seguito è possibile leggere alcuni dei progetti nei quali Ralc Italia ha condiviso le proprie esperienze.